Arts Of The Working Class Logo

ENTRARE FOURI

Una riflessione del Sud Europa sulle pratiche critiche contemporanee in materia di salute e assistenza.

  • Commentary
  • Jan 12 2023
  • Entrar Afuera
    è un collettivo di ricerca militante su pratiche politiche di emancipazione nella crisi del welfare, in particolare tra Madrid, Barcellona e Trieste, di cui fanno parte Marta Malo, Jasmine McGhie, Irene Newey, Marta Pérez e Pantxo Ramas. www.entrarafuera.net

 SALUTE 

Immersa in un mondo di merci, la nostra salute rischia di essere ridotta alla ricetta e alla medicina giusta, oppure a un periodo nelle istituzioni totali e separate dalla vita: ospedali, manicomi, case di riposo. In questi luoghi regnano tecnologie, merce, profitto: le grandi industrie farmaceutiche sono sempre più protagoniste nel progettare le politiche sanitarie. Un’alternativa infernale: ridurre la vita nelle maglie della regola istituzionale, o diventare passivi consumatori della propria salute, suddivisi per marca a seconda di quanto poveri siamo. Ma davvero non c’è alternativa? Come possiamo pensare la nostra salute solo attraverso l’istituzione o il mercato, quando - secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità - il 70% della nostra salute è determinato dalla casa in cui viviamo, dalla qualità della nostra vita, della nostra alimentazione, dei nostri affetti, del nostro reddito e via dicendo?

 

 

 CURA 

Però, di fronte a tutto questo, è lecito dire che la salute è qualcosa di diverso da una medicina da prendere o dalle grandi tecnologie degli ospedali? Bisogna dire che il capitale (che fa profitto sul nostro corpo) e tutte le istituzioni totali non fanno bene al corpo sociale? Se proviamo a pensare non alla salute, ma al diritto alla salute, capiamo che quando ne parliamo dovremmo riferirci a un esercizio reciproco alla base di una cittadinanza aperta: una pratica comune di cura tra tutte le persone. Se l’OMS (1) fa riferimento a determinanti sociali della salute, noi consideriamo invece le determinanti politiche del diritto alla cura, perché quando parliamo di cura, non si tratta di governare socialmente un corpo per renderlo sano e dunque produttivo: si tratta di curarsi insieme quotidianamente in quanto pratica politica, e piena di contraddizioni, per affermare una cittadinanza altra.

 

 

 DEISTITUZIONALIZZAZIONE 

Di fronte alle istituzioni moderne dello Stato e del mercato vogliamo quindi continuare a deistituzionalizzare. Ovvero contrastare e provare a sciogliere le regole istituzionali che, per affermare se stesse e riprodurre il proprio potere, negano la diversità e la divergenza. Deistituzionalizzazione è una parola lunga che racconta una storia lunga, quella che prima a Trieste (2) e poi in altri luoghi ha portato alla chiusura di pochi ospedali psichiatrici, in un mondo ancora pieno di manicomi. Tuttavia, non si tratta solo di chiudere i manicomi, ma di affermare una strategia per cui non possa esistere cura senza emancipazione, e non solo della salute mentale. Cura di una “maggioranza deviante” perché, lo cantava Caetano Veloso, “da vicino nessuno è normale” (3).

 

 

\\



  • Footnotes
    .
    1. Organizzazione Mondiale della Sanità.
    2. Nel 1971, Franco Basaglia viene nominato direttore dell’Ospedale Psichiatrico Provinciale di Trieste con il mandato di chiudere il manicomio e affermare un’altra ecologia di cura, diciamo noi, per la salute mentale. Questo ha portato negli anni allo sviluppo di un sistema territoriale di centri di salute mentale, cooperative sociali e dispositivi che permettono di chiudere definitivamente l’Ospedale Psichiatrico e, nel 1978, approvare una legge che chiude in tutta Italia, primo paese al mondo, i manicomi. Oggi Trieste, seppur in difficoltà nell’affermarsi di politiche sanitarie neoliberali, continua a essere luogo di sperimentazione e ricerca, nelle pratiche di cura e deistituzionalizzazione.
    3. Veloso, C. (1986). Vaca Profana.

    Images caption

    Ugo Guarino. Imágenes cedidas por el Centro de Documentación de Entrare Fuori.

Cookies

+

To improve our website for you, please allow a cookie from Google Analytics to be set.

Basic cookies that are necessary for the correct function of the website are always set.

The cookie settings can be changed at any time on the Date Privacy page.